logo
Disabilita preloader

ROSH HA SHANAH

27/09/2019

Rosh Ha-Shanah è il capodanno ebraico e cade i primi due giorni del mese di Tishrì.

Racchiude in sé diversi significati. Scopriamoli insieme!

Il giorno del giudizio

Il giorno di Rosh Ha-Shanah è un giorno dedicato all’introspezione e al rinnovo spirituale. Durante questa giornata si riflette sul comportamento avuto durante l’anno precedente e si fa un’autoanalisi della propria condotta.

È il cosiddetto Giorno del Giudizio (Yom Ha Din). Infatti secondo la tradizione ebraica, come recita il Talmud, “Rosh Ha-Shanah tutte le creature sono esaminate davanti al Signore”. Il Signore quindi giudica tutti gli uomini in base a come si sono comportati durante l’anno, analizzando le loro azioni buoni e cattive. Il giudizio non è, però, definitivo; infatti ogni persona ha dieci giorni di tempo per fare penitenza per i propri peccati, fino al giorno di Kippur.

Il giorno del ricordo

Un altro nome alternativo per Rosh Ha-Shanah è Giorno del Ricordo (Yom ha-Zikkaron).

Durante l’occasione i celebranti ricordano, infatti, la Creazione del mondo e del primo uomo, Adamo.

Il giorno del suono

Rosh Ha-Shanah è un giorno in cui alcuni suoni assumono grande importanza.

Infatti la Torah recita che il capodanno ebraico è un “giorno di astensione dal lavoro, ricordo del suono, sacra convocazione” (Levitico, 23:23,24) e un “giorno di suono strepitoso” (Numeri, 29:1,6)

Per questo motivo Rosh Ha-Shanah è noto anche come il “giorno del suono dello Shofar” (Yom Teru’a).

Lo Shofar è un piccolo corno di montone usato come strumento musicale. Viene utilizzato per proclamare il capodanno ebraico e, secondo la tradizione ebraica, simboleggia il richiamo del Signore.

I suoni emessi possono essere note interrotte, note lunghe oppure note brevi e hanno lo scopo di suscitare pentimento e rinnovo spirituale in chi le ascolta.

Come si celebra il capodanno ebraico, Rosh Ha-Shanah?

Durante la giornata il colore dominante è il bianco, che simboleggia la purezza e il rinnovo spirituale. Per l’occasione i celebranti si vestono del colore della neve e rivestono anche i rotoli della Torah dello stesso colore.

Alcune persone si recano presso dei corsi d’acqua per pregare e svuotare le proprie tasche; il gesto simboleggia il pentimento e il liberarsi delle proprie colpe. Altre persone piantano dei semi di granoturco in segno di prosperità.

Infine a tavola è usanza mangiare cibi che siano di buon augurio per il nuovo anno. Per esempio, uno spicchio di mela intinto nel miele oppure chicchi di melograno; il tutto accompagnato da una forma di pane tondo, simbolo della circolarità dell’anno.

Fonti

http://ucei.it/festivita-ebraiche/rosh-ha-shanah/

https://www.extrabanca.com/extrapeople/eventiecuriosita/rosh-ha-shanah/

 

< Archivio